UOMO

Premio_David_di_Donatello

8057092014820_0_0_704_80

Red line vecto

Regia 1 3

Ricordo un incontro casuale una mattina di trent’anni fa, al bar Zucca di Via Orefici, a Milano. Enzo Tortora, un pacco di giornali sottobraccio, ordina cappuccino e briosche, io altrettanto. Le nostre mani si sfiorano attorno al cucchiaio della zuccheriera. Un sorriso gentile: “ Prego, prego…”  dice. Gli sguardi s’incrociano. L’uomo famoso, amato dal pubblico televisivo, e lo studente della Scuola di Cinema: lo stesso che circa vent’anni dopo realizzerà un film sulla sua nota, triste vicenda giudiziaria.

Mi piace pensare che quell’ incontro non sia stato poi così casuale. Tortora non poteva immaginare cosa sarebbe successo da lì a poco, eppure il destino aveva già ordito la sua trama alla quale io, come regista, mi sarei sottratto volentieri. Infatti, se non fosse successo nulla, quel film non l’avrei mai fatto e Tortora sarebbe probabilmente ancora tra noi a godersi, arzillo ottantenne, la vita, le sue figlie, i suoi nipoti. E invece Un uomo perbene esiste.

“Non ho né paura che il film sia una delusione né lo aspetto con entusiasmo: mi auguro che chi lo ha realizzato sia stato rispettoso di quello che e’ stato Tortora” ha dichiarato nel 1999 Enzo Biagi in occasione della presentazione del film al Festival di Venezia. Non ho mai avuto occasione di parlare con Enzo Biagi, ma spero che abbia visto Un uomo perbene perché è un film del quale vado ancora fiero. Come tutte le cose umane può essere imperfetto ma racconta con precisione e onestà quello Tortora ha vissuto e sofferto nelle aule dei tribunali, nelle procure, nelle caserme dei carabinieri, nelle carceri. A supporto e conforto di ciò il giudizio di un vero amico di Enzo Tortora, Piero Angela: ”Il film mi ha fatto rivivere il dramma di quei giorni che ho vissuto accanto ad Enzo. Non mi sembra che voglia attaccare i giudici, non e’ un film a tesi e scandalistico: documenta il suo dramma di uomo.”

Scrivere e poi dirigere Un uomo perbene non è stato facile. Ricordo lunghe notti di lavoro passate, con lo sceneggiatore Umberto Contarello, fra libri, atti processuali, documenti, registrazioni audio dei processi. Un giorno, in questo mare sterminato che formava la nostra piattaforma di studio, ecco spuntare la cassetta di una trasmissione fatta ad Antenna Tre Lombardia, in occasione del compleanno di Tortora allora detenuto nel carcere di Bergamo. Parlano i suoi amici più intimi fra i quali si riconoscono Pogliotti, Gigi Marsico e Piero Angela. Guardiamo le immagini, ascoltiamo i racconti: peccato che questa trasmissione non l’abbia vista chi – pensiamo – nell’Italia di allora, nutriva assolute certezze sulla colpevolezza di Enzo Tortora, peccato che non l’abbiano vista i giornalisti, i fotoreporter, i caporedattori che quotidianamente lo sbattevano in prima pagina, peccato infine che non l’abbiano vista gli inquirenti al lavoro alla Procura di Napoli. In quella cassetta, che ancora custodisco come una reliquia, gli amici, con le voci a volte rotte dall’emozione, raccontano di un Tortora sconosciuto, abitudinario, quasi pantofolaio, tutt’altro che inquieto, tutt’altro che quel famigerato Dottor Jeckyll e Mr. Hide presentato, manette ai polsi, ad ogni telegiornale di quella tremenda estate del 1983.

Racconto ad Umberto quel mio casuale incontro con Tortora e aggiungo “ …alla luce di quello che stiamo leggendo vorrei avere la macchina del tempo e tornare là, in quel bar di Milano, per dirgli – Signor Tortora… facciamo in modo di non fare questo film…- Lui, imperturbabile come sempre, sorseggiando il suo cappuccino e citando il Duca di Gloucester nell’Enrico VI,  avrebbe sicuramente risposto: “Prima di essere accusato devo essere in colpa, e se i miei nemici fossero venti volte più numerosi, e se ciascuno di essi avesse una potenza venti volte superiore, non potrebbero farmi nulla di male, finchè continuerò ad essere sincero, leale, innocente.”

https://www.movie-trailer.co.uk/trailers/1999/un-uomo-perbene/#play

Red line vecto

Red line vecto

 

GALLERY

Photos by Egidio Poggi © 1999

Immagine acquisita 2 2 2.jpg

Un-uomo-perbene-630x415

GAL_2.jpg

GAL_4

GAL_3

GAL_1

big-film-c

UnUomoPerbene_grup

uomo perbene 1999.jpg

uomo-perbene-michele-placido-maurizio-zaccaro-vyqp-76db0548e600bdcaef27bead3f85316c-large-1217933

uomoperbene_01

uomo_perbene_michele_placido_maurizio_zaccaro_002_jpg_wqzx

Uomop003

tor 2

uomo_perbene_michele_placido_maurizio_zaccaro_026_jpg_ikwf

t 2.jpg